XIV LEGISLATURA

PROGETTO DI LEGGE - N. 2057




PROPOSTA DI LEGGE


Art. 1.

(Esercizio della medicina legale).

        1. L'esercizio della medicina legale è subordinato ad una specifica formazione professionale che viene acquisita dopo il conseguimento della laurea in medicina e chirurgia mediante il conseguimento, dopo un corso della durata di almeno quattro anni, del diploma universitario di specializzazione in medicina legale e delle assicurazioni.
        2. L'attività medico-legale può essere svolta anche dai medici, dipendenti o liberi professionisti, che alla data di entrata in vigore della presente legge abbiano già praticato, per un periodo di tempo pari a quello della durata della specializzazione universitaria di cui al comma 1, l'esercizio della medicina legale quali consulenti tecnici d'ufficio presso il tribunale, o periti del giudice o medici fiduciari di compagnia assicurativa o componenti di una commissione d'invalidità civile o medici dipendenti operanti in enti pubblici nelle medesime attività. Tali professionisti sono inquadrati nella figura ad esaurimento del "medico competente all'esercizio della medicina legale".
        3. L'attività medico-legale può essere svolta esclusivamente da un medico che ha conseguito il diploma di cui al comma 1 o che possiede i requisiti previsti dal comma 2.


Art. 2.

(Prestazioni delle aziende sanitarie locali).

        1. All'articolo 19 della legge 23 dicembre 1978, n. 833, dopo il primo comma è inserito il seguente:

        "Le prestazioni di medicina legale sono assicurate attraverso medici che, dopo il conseguimento della laurea in medicina e chirurgia, hanno conseguito il diploma universitario di specializzazione in medicina legale e delle assicurazioni o medici competenti all'esercizio della medicina legale".


Art. 3.

(Albo dei consulenti tecnici
nel processo civile).

        1. All'articolo 15 delle disposizioni per l'attuazione del codice di procedura civile e disposizioni transitorie, approvate con regio decreto 18 dicembre 1941, n. 1368, dopo il primo comma è inserito il seguente:

        "Possono essere iscritti nell'albo dei consulenti tecnici per la categoria medico-chirurgica esclusivamente medici che, dopo il conseguimento della laurea in medicina e chirurgia, hanno conseguito il diploma universitario di specializzazione in medicina legale e delle assicurazioni, o i medici competenti all'esercizio della medicina legale".

        2. All'articolo 146 delle disposizioni per l'attuazione del codice di procedura civile e disposizioni transitorie approvate con regio decreto 18 dicembre 1941, n. 1368, è aggiunto, in fine, il seguente comma:

        "Sono considerati medici legali esclusivamente i medici che, dopo il conseguimento della laurea in medicina e chirurgia, hanno conseguito il diploma universitario di specializzazione in medicina legale e delle assicurazioni, o i medici competenti all'esercizio della medicina legale".


Art. 4.

(Albo dei periti nel processo penale).

        1. All'articolo 67 delle norme di attuazione, di coordinamento e transitorie del codice di procedura penale, approvate con decreto legislativo 28 luglio 1989, n. 271, dopo il comma 2 è inserito il seguente:

        "2-bis. Ai fini del comma 2 sono considerati medici legali esclusivamente i medici che, dopo il conseguimento della laurea in medicina e chirurgia, hanno conseguito il diploma universitario di specializzazione in medicina legale e delle assicurazioni o i medici competenti all'esercizio della medicina legale".



Frontespizio Relazione