Doc. IV, n. 14-A





Onorevoli Colleghi! La Giunta riferisce sulla richiesta di autorizzazione a procedere avanzata per il tramite del ministro della giustizia dalla procura della Repubblica presso la corte d'appello di Roma nei confronti di Antonio Santacroce e Andrea Leanza, cui viene contestato il reato di vilipendio delle Assemblee legislative, di cui all'articolo 290 del codice penale, perseguibile d'ufficio previa autorizzazione a procedere alle Assemblee vilipese ai sensi dell'articolo 313 del codice penale.
La vicenda - davvero poco dignitosa - attiene alla pubblicazione di un opuscolo dal titolo «POLIZIA DI STATO», registrato presso il tribunale di Napoli e stampato a Formia. A dispetto del titolo, si tratta di una pubblicazione la quale, al di là di superficiali pretese satiriche e dissacranti, si risolve in un pamphlet pornografico e trash.
L'imputazione di vilipendio delle Camere è dovuta a una fotografia di una giovane procace in slip, a pagina 6, le cui parti anatomiche sono indicate con frecce che riportano le denominazioni delle istituzioni parlamentari.
Si tratta, all'evidenza, non di arguto sarcasmo politico ma di una volgare e bassa manifestazione di qualunquismo istituzionale e di gratuito antiparlamentarismo.
Per questi motivi, all'unanimità e con distinte votazioni, la Giunta nella seduta del 18 gennaio 2006 ha deliberato di proporre all'Assemblea la concessione dell'autorizzazione a procedere nel giudizio a carico di Antonio Santacroce e Andrea Leanza.
Vincenzo SINISCALCHI, relatore


Frontespizio